domenica 31 ottobre 2010

Welcome 60 Serginaz - Tanti auguri

Tanti auguri a Sergio Balus per i suoi PRIMI 60 anni. Ha voluto festeggiare alla grande con una cinquantina di amici aspettando anche una settimana (dato che il compleanno era il 24/10) per non sovrapporsi al Burnjak e non voler polemizzare sul fatto che ci sarebbe stata più gente al compleanno che al tendone. Comunque grande festa ieri a Tribil Superiore nella sala parrocchiale nello stile Balus, quindi all'insegna del divertimento. I suoi amici hanno ancora voglia di scherzare e per adeguarsi agli standard comunali gli hanno presentato un Welcome 60, giusto per "mantenere le tradizioni locali", ovviamente a base di castagne piemontesi.
ANCORA TANTI AUGURI SERGIO.

mercoledì 27 ottobre 2010

Il Burnjak è finito (in ogni senso). E adesso cosa ci aspetta?

Sicuramente è stata l'edizione più balorda, ridicola e discussa di sempre. Perchè?
Sicuramente avete letto i post della settimana scorsa e vi siete fatti un'idea, ma ora di cosa parleremo?
Con sapiente pazienza aspettiamo il Pust (il nostro Carnevale) e sicuramente ci sarà da discutere e documentare gli avvenimenti. Infatti già l'anno scorso più di qualche simpaticone che non si sa divertire neanche al Pust (figuriamoci al Burnjak) avrebbe voluto zittire anche le maschere, anche rivolgendosi alle forze dell'ordine.

Le temutissime maschere del Pust
Poi a giugno ci sarà di nuovo il Kries (falò di San Giovanni) e anche su questo qualcuno ha già alzato la voce lo scorso anno negando i permessi di occupazione suolo pubblico. Perchè 2 Kries su un territorio così piccolo sono troppi. Ma forse la paura è che si portino via clienti al "tradizionale" tendone di Tribil Inferiore, non curante del fatto che il Kries è una tradizione di ogni paese. E così per un pugno di euro si cancella l'identità e la cultura della gente.
Comunque nelle difficoltà la Polisportiva di Tribil Superiore si sa arrangiare e appoggiata da tutti i paesani (meno quei 3-4 di cui si fa volentieri a meno) ha fatto il suo Kries su suolo privato. Nonostante questo qualcuno avrebbe voluto addirittura denunciare la signora proprietaria del terreno dove è bruciato il falò.
Bisogna stringere i denti ancora qualche anno fino alle prossime elezioni, sempre che Stregna non venga regalata a Cividale.

Mi sembra che gli argomenti non mancheranno!!!

martedì 26 ottobre 2010

Dalla lettera di San Mauro ai Titini

Riporto le risposte apparse sul Messaggero Veneto il 23 e 24 ottobre:

"Il sindaco Mauro Veneto, intanto, respinge al mittente le critiche conseguenti al cambio di gestione della kermesse, fino allo scorso anno organizzata dalla Polisportiva Tribil Superiore e divenuta ora, appunto, di competenza della Pro loco: «Dichiarazioni false - tuona -: nessuno ha defenestrato nessuno. Alla Polisportiva il Comune ha inviato ben sette lettere raccomandate invitandola a partecipare all’organizzazione del Burnjak»."

Ben sette raccomandate, pensate!! Sarebbe da chiedergli di farci vedere le Ricevute di ritorno (su 7 ne avranno fatta almeno 1 AR), o possiamo andare a controllare il numero di protocollo.
Alla Polisportiva è arrivata 1 o forse 2 lettere e nemmeno tanto incoraggianti. (vedi http://www.burnjak.eu/).

"Il Burnjak non è stato un flop La Pro loco Stregna, nata negli anni 90 per sostenere e valorizzare cultura e tradizioni locali, in collaborazione con le associazioni presenti sul territorio, nel 2010 ha rinnovato gli organi direttivi e riavviato la propria attività, grazie soprattutto al sostegno dell’amministrazione comunale, in particolare del sindaco, Mauro Veneto. In coerenza e nel pieno rispetto delle finalità statutarie l’attività ha ripreso, coinvolgendo tutti i cittadini di Stregna e in particolare tutte le associazioni presenti in loco. Nella Pro loco oggi sono rappresentati il Gruppo alpini di Stregna, il Reparto storico alpino “Fiamme Verdi”, l’associazione Cacciatori di Stregna e il Coro Tre Valli. Il Burnjak, tradizionale festa delle castagne che si svolge a Tribil Superiore nel mese di ottobre, rientra tra le manifestazioni, patrocinate dal Comune, dalla Provincia e dalla Regione, che la Pro loco ha organizzato nell’anno in corso, non certo sostituendosi a qualcuno, ma coinvolgendo tutte le associazioni, garantendo a esse la massima partecipazione e presenza. La Polisportiva Tribil Superiore non ha inteso aderire all’iniziativa e non ha accettato di collaborare con le altre cinque associazioni. La Pro loco ne ha preso atto e ne ha rispettato le decisioni. Ciò premesso leggiamo con stupore e con profondo rammarico la dura presa di posizione della Polisportiva in merito all’organizzazione della festa. Non è nostro costume scendere in polemiche con chi non condivide il nostro percorso e il nostro modo di operare, ma ritenendo immeritate le accuse mosse dalla Polisportiva e contenute nell’articolo comparso sul Messaggero Veneto, ci pare assolutamente doveroso smentire la notizia che il Burnjak 2010 sia stato “un flop”. Il Burnjak 2010, comonciato il 10 ottobre e che terminerà il 24 ottobre, vede lavorare in armonia più di cinquanta persone tutte del comune di Stregna, che negli ultimi mesi hanno sacrificato molto del loro tempo libero per organizzare e per gestire questo importante evento. Sul Burnjak non c’è nessuna bufera e chi vorrà onorarci della sua presenza lo potrà constatare. Il programma è ricco e interessante, il posto merita una visita e, tempo permettendo, possiamo assicurare che sarà una gran bella festa, nello spirito di cordialità, generosità e ospitalità della gente di Stregna. Vorremmo approfittare della cortese ospitalità del Messaggero Veneto per rinnovare al nostro sindaco, Mauro Veneto, il più caloroso grazie per aver saputo aprire le porte del municipio a tutte le associazioni di Stregna, sostenendole nelle loro attività. Remo Chiabai presidente della Pro loco Stregna "

Abbiamo constatato di persona che il Burnjak non è più lo stesso, farebbero bene a spostarlo altrove e a cambiargli nome.

giovedì 21 ottobre 2010

Burnjak nella bufera del Messaggero

In effetti nessuno si aspettava un articolo di questo genere, soprattutto perchè nessuno della Polisportiva Tribil Superiore (i vecchi organizzatori) l'aveva chiesto. Probabilmente la nostra giornalista locale Lucia Aviani avrà fatto una ricerca su internet con il termine "burnjak" e si sarà accorta che ha trovato di tutto tranne il programma della festa (che a tutt'oggi non ha un sito ufficiale). L'unico posto dove trovare il programma della festa è il sito del Comune di Stregna, ma ciò non fa che avvalorare la teoria che la nuova Proloco di Stregna e la maggioranza che ora governa Stregna siano la stessa cosa.
Allego l'articolo uscito il 21 ottobre 2010 sul Messaggero Veneto, stesso giorno in cui esce la pubblicità del Burnjak sull'inserto del Messaggero e anche questa volta Tribil Superiore viene omesso, sostituito da Stregna (che però è meno conosciuta di Tribil Superiore).
Vi ricordo che anche se sembra che sia la Polisportiva a parlare in prima persona, sono solo stati riportati dei commenti trovati su www.burnjak.eu e su altri siti e blog che trattano l'argomento.

martedì 19 ottobre 2010

La stampa slovena a caccia di notizie

La testata giornalistica Primorski nel giro di 2 giorni ha già rilasciato 2 articoli sul Burnjak "versione Veneto" e non fa sconti a nessuno, tantomeno agli inesperti organizzatori della Proloco Stregna.

Qui di seguito il link: http://www.primorski.it/publisher/Na%20spletu/search/1/?search_text=burnjak&x=26&y=8
(Potete tradurlo in italiano con Live Search. Pulsante destro del mouse sul testo).

A questo punto ci chiediamo chissà cosa riusciranno a millantare sul Messaggero Veneto quest'anno.
Staremo a vedere, c'è ancora una domenica per recuperare.
Ce la faranno i nostri EROI?
O proprio all'ultimo molleranno tutto e andranno a caccia?
Ricordiamo che la riserva di Oblizza è in vantaggio su quella di Stregna per colpa del Burnjak!!!

domenica 17 ottobre 2010

Sole NO, Soli SI

Domenica 17 ottobre, forse per il numero avverso o per altre cause ignote, non è stata una grande domenica. Pioggia, freddo e vento hanno caratterizzato il Burnjak 2010. La gente non è accorsa e quindi non c'è stato alcun problema di parcheggio per i pochi che si sono avventurati a Tribil Superiore. Forse qualcuno si è anche fermato a Stregna e non trovando la festa è tornato indietro. Ma questo è dovuto sicuramente alla cattiva pubblicità o semplicemente non esaustiva fatta in queste settimane, come testimoniato a Telefriuli nella trasmissione "Scrigno" di settimana scorsa non per tutti era chiaro dove si tenesse la festa.
Infatti qui di seguito riporto il banner pubblicitario che ho trovato sul sito del Messaggero Veneto

Non mi sembra ci sia alcun riferimento a Tribil Superiore, quasi si voglia far diventare il Burnjak la festa di Stregna, cosa impossibile dato che è nata con i parrocchiani e poi portata allo splendore con la Polisportiva sempre di Tribil Superiore.
La Proloco di Stregna e il Comune di Stregna forse volevano riportare il Burnjak a quello di ventanni fa con la gente di paese e pochi più, forse per mantenere le "loro" tradizioni. Comunque sembra che l'intento si stia per compiere, visto il mezzo flop della prima domenica e l'assenza totale di gente in questa domenica 17. Quindi se il tempo non sarà clemente nella prossima non ci saranno tanti soldi da contare in cassa, ma forse si conteranno quelli da rimborsare per lo sforzo organizzativo.

Burnjak ghiacciato - Domenica 17 ottobre 2010

Tanta pioggia,
tanto vento
e solo 4 gradi.


Ancora un po' e
siamo a rischio neve

sabato 16 ottobre 2010

Burnjak 2010 - Cominciamo bene

Forse anche più di qualcosa è cambiato. Tutta la storia, anzi solo il "Bignami", lo potete leggere su http://www.burnjak.eu/.
Invece le cose più tantigibili le stanno scrivendo sui muri a lettere cubitali.






Il messaggio è abbastanza criptico e di non facile comprensione, forse anche per l'infinita ignoranza di chi l'ha realizzata. Il fatto è accaduto durante la notte tra il 9 e 10 ottobre 2010.
Dopo avanzati studi si presume che la "C" inziale sia un errore (forse ha avuto un ripensamento già alla prima lettera), mentre la parola "ANTONIA" sembra sia l'unica cosa giusta, ma l'ignoranza più totale la ritroviamo nella parola "ITLER" di sicuro riferimento a "HITLER". Forse può essere anche CANTONI HITLER, ma di famiglie Cantoni nel comune non ce ne sono.
Il vandalo in questione non contento si è diretto vicino al cimitero di Tribil Superiore (circa 200 metri) per imbrattare la nuovissima insegna dell'Agriturismo "La Casa delle Rondini". In questo caso i nuovi organizzatori hanno prontamente provveduto, senza aver chiesto nessuna autorizzazione ai proprietari, a rimuovere parzialmente la spruzzata di nero, in quanto non molto decoroso per la nuova festa del Burnjak.

Sicuramente l'apertura ventennale alla mitteleuropa non è piaciuta, non sono piaciute le fisarmoniche, il clima di allegria e forse più di tutto non piace vedere un gruppo di persone affiatate come quelli della Polisportiva di Tribil Superiore (i vecchi organizzatori) che con il loro impegno e l'appoggio di associazioni e artigiani locali hanno dato lustro al piccolo comune di Stregna.
Già dalla prima domenica si son viste cose strane (cassiere con il tricolore al petto), come se non si sapesse che siamo in Italia, segnaletica stradale inesistente a fondo valle (vedi le testimonianze rilasciate a Telefriuli - Trasmissione "Scrigno") e un sentore della gente "non locale" che non è il Burnjak dell'anno scorso.
Ora aspettiamo di vedere cosa succederà questa domenica 17 ottobre e quali altre novità sono state riservate ai turisti della domenica.

C'era bisogno di un altro blog nel comune di Stregna?

Riprendendo le parole di un mio concittadino posso dire che "si sentiva il bisogno" di un altro blog.
Forse, a dir la verità, avrei preferito fare altro che aprire un blog, ma ne sentivo il bisogno, anche per fare un po' di concorrenza al blog di Luca Postregna http://luca.postregna.name/.
Ora non vorrei che 2 blog fossero troppi per un Comune così piccolo.
(Approfitto dell'occasione per salutare una mia carissima amica di Tribil Superiore - dott.ssa Erika Balus)
Speriamo che ora nessuno dica che il blog è stato commissionato da lei, speriamo.

Comunque auguro un buon lavoro alla neonata Proloco di Stregna per l'organizzazione del Burnjak, sperando che ognuno faccia il proprio lavoro.